Amado mío, de Pier Paolo Pasolini

PPP-amadomio1

Primera edición en Seix Barral, 1984

Seix Barral publica dos largos relatos, o novelas cortas, de Pasolini, de naturaleza claramente autobiográfica. Actos impuros y Amado mío,en traducción de Jesús Pardo y Jorge Binaghi. Empiezo apenas a leer esta atormentada confesión del amor a “los muchachos”, de un veinteañero Pasolini “corruptor” de menores… en primera persona después de haber leído los mismos acontecimientos en la inteligente y afectuosa biografía que Enzo Siciliano dedicó a su amigo.

Copio aquí de aperitivo, para quien lea italiano, algunas reflexiones en torno a estas novelas cortas que no se publicaron hasta 1984.

PPP «aveva sempre rimandato la pubblicazione, ad esempio, di due romanzi brevi, scritti in gioventù, che ora compaiono insieme in un volume intitolato Amado mio. I motivi per cui Pasolini ci aveva nascosto questo libro, mentre pure aveva riscritto e pubblicato, Il sogno di una cosa, sono ormai consegnati al mistero. Possiamo provare però a fare delle ipotesi. Innanzitutto, da gran letterato qual era, immaginava postume le opere “non finite”, dove la forma faceva difetto, dove non si usava sufficientemente il fren dell’arte. Atti impuri, uno dei due romanzi, è stato rimaneggiato dalla curatrice del volume, Concetta D’Angeli, la quale ha dovuto svolgere in prima persona anche quelle parti che nel romanzo erano state scritte in terza. In secondo luogo l’autore di Ragazzi di vita non volle darsi ancora un volta in pasto a chi lo accusava di essere un corruttore di minorenni. […]  Ma l’ipotesi forse più convincente è ancora un’altra. Temendo la rottura di immagine di scrittore impegnato a sinistra, di poeta civile (immagine ormai consolidata in tutte le storie letterarie) lo scrittore friulano aveva accuratamente soppresso la sua omosessualità letteraria. La regola dell’universalità dell’arte, primonovecentesca, aveva prodotto più d’un’eco in lui. Le ceneri di Gramsci non poteva sopportare nessuna luce obliqua. Un poeta insomma non accetta etichette di nessun genere. »

 

Da “il manifesto” del 29/9/82
Fonte:
http://www.claudioferrarini.it/immagini/amado%20mio.html

AMADO MIO.indd

Amado mío, edición 2014

Anuncios

Responder

Por favor, inicia sesión con uno de estos métodos para publicar tu comentario:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s